“Le Gioie del Cuore” compie ancora passi avanti.

Dal 24 al 27 gennaio una delegazione di Cuore Fratello, il presidente dell’Associazione Don Claudio Maggioni, il capo progetto e volontario Paolo Marinoni, Sabrina Carizzoni dello staff e la fotografa e volontaria Leonarda Viretti, si è recata in Kosovo per l’inaugurazione dell’ambulatorio dove la dott.ssa Sonja Rakocevic potrà visitare i bambini bisognosi di cure e individuare i cardiopatici da sottoporre all’intervento.

Il programma è stato intenso, ricco di incontri e possibilità di dialogo e confronto. A partire dalla cena del 24 gennaio presso il Monastero di Gračanica che ha visto la partecipazione di: S.G. Teodosije, Vescovo di Raska e Prizren, l’ambasciatore italiano in Kosovo, S.E. Cristoforo Dardi, il Comandante Kfor/Nato, Gen. di Div. Salvatore Cuoci, Don Fatmir Koliqi, parroco della chiesa cattolica Santa Teresa di Calcutta di Pristina, Padre Andrej e la funzionaria Eulex e socia dell’Associazione Amici di Dečani, la Dott.ssa Cristina Di Cocco.

Con grande amicizia è importante continuare ogni collaborazione per la riuscita del progetto e per il grande segno che questo progetto stesso rappresenta anche per il cammino dell’umanità in Kosovo e in Italia” – ha dichiarato Don Claudio Maggioni, durante la conferenza stampa con i media locali durante l’inaugurazione dell’ambulatorio che si è tenuta la mattina del 25 gennaio.

Tutti i cinque pazienti che sono stati operati dal 2016 ad oggi e la dott.ssa Sonja Rakocević, responsabile dell’ambulatorio, erano presenti all’inaugurazione ed è stato significativo ed emozionate incontrarli con le loro famiglie, sempre riconoscenti del bene fatto per loro.

L’ambulatorio di Gračanica è una palestra di speranza per tutti i bambini malati di Kosovo e Metohija – ha dichiarato il Vescovo Teodosije – il lavoro di Amici di Dečani e Cuore Fratello è il compito che ci richiede Dio, occuparci dei nostri fratelli più piccoli, bisognosi e malati, senza alcuna distinzione di fede, etnia, condizione sociale”.

Nella giornata del 26 gennaio Don Claudio Maggioni ha tenuto anche una lectio magistralis al Seminario serbo ortodosso dei SS. Cirillo e Metodio di Prizren, alla presenza di professori e studenti. L’occasione è stata preziosa per parlare ai giovani dell’Associazione, del progetto, del senso della carità e della solidarietà. Al termine della lezione, Don Claudio ha annunciato con grande soddisfazione la disponibilità ad accogliere e sostenere i due interventi cardio chirurgici programmati per il mese di marzo 2018.

La delegazione è stata lieta di incontrare anche il Vescovo cattolico di Kosovo, Mons. Dodë Gjergji.

Leonarda, volontaria dell’Associazione, parla così di questi giorni intensi e significativi trascorsi in questo Paese: “Quando c’è un incontro di anime di buona volontà, le differenze di razza, di lingua, di religione si annullano, portando con sé solo valori positivi; e che nello scambio di esperienze diverse, il bene diventa possibile anche nelle condizioni più difficili”.

Insieme a tanti amici e sostenitori continuiamo a lavorare concretamente per questi bambini!