Noi di Cuore Fratello ci attiviamo ogni volta che ci sono piccole vite da salvare.

Quando l’Associazione Iniziative di Solidarietà onlus, che lavora nel Kurdistan Iracheno e con la quale collaboriamo, ci ha sottoposto nuovi casi di bambini malati, ci siamo subito resi conto della drammaticità della loro situazione. In questa terra tormentata, le condizioni di vita del popolo curdo sono estremamente
difficili e precarie a causa di persecuzioni sia religiose che politiche.

Le famiglie di questi bambini fuggirono dalla loro terra nel ’91 per sottrarsi al regime di Saddam Hussein dopo aver perso molti parenti che combattevano per la libertà. Con la comparsa dell’Isis e la sua cruenta avanzata poi, le loro condizioni di vita sono nuovamente peggiorate.
Per questo per questi bimbi, gravemente malati di cuore in una terra senza più strutture
sanitarie adeguate, l’unica speranza di sopravvivenza siamo noi.

Abbiamo accolto in questi giorni RAGIR e KEYNA che sono già stati visitati presso il Policlinico San Donato e si preparano per l’intervento. Aspettiamo poi nei prossimi mesi altri tre piccoli che vogliamo curare per poterli vedere nuovamente felici con le loro famiglie.

Grazie alla generosità di tanti sostenitori potremo portarli in Italia per operarli e salvarli!

Dona ora